Statte zitte. Sulle soglie
del balcone non odo
parole che dici italiane;
ma odo parole lontane
che parlan dialetti
e lingue più strane:
“Lu virus”.

Diciamo che piove,
dalle nuvole basse.
Piove sul lungomare
fregno e sul molo,
piove sulla statale
e s’allaga lu sottopasse;
piove sulle pecore
divine,
sulle fornacelle corvine
e sulle onde lesche,
piove sulle vetrine
mbusse e fresche,
piove sulle nocelle
silvane,
piove sulle nostre
genziane
che l’anima schiudon
novelle;
piove e già sai
che non esci,
che non uscirai,
O Ernesctina.

Allore? Statte
a la case;
ritira le mutanne
spase;
io faccio le mmasciate
tu pela le patate;
tanto piove,
cace e ove.

Piove nella solitaria
radura,
piove e la gente
ha paura;
s’ha cagnate l’aria,
piove e non fa niente,
statte la case.

Non piove in cucina,
non piove in cantina.
Non piove a lu bagne.
Ecco, arriva nu cumbagne:
Cicchitagne da la mundagne
nghi nu sacche di castagne:
nisciune chiù si lagne.

Shhhh! Si cuoce sana
lentamente la porchetta
e sembra perfetta
la crosta profana.
E la palma è calma,
e il pino sornione,
ma un vecchio zezzone
perde bussola e mappa:
‘sciccise la zappa.

Statte a la case commà;
osserviamo la uazza
mattutina,
i prati rossi come ‘na tazza
gingerina;
e la gente che va a fatijà
perchè deve;
e ancora non fa la neve.
Fra l’amore e l’amuchina,
ci sinde mascherina?
E se non passa,
passerà,
O Ernesctina.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here