1) Coccia pelata con trenta capille (o “senza capille”)
tutta la notte ci canta li grille,
e li grille c’ha cantate,
bonanotte a coccia pelate.

2) Giacinte Giacinte,
na mane alla cinte
na mane a lu core,
Giacinte se more.

3) E lu pete di San Capriele
io l’addoro io l’addoro
e lu vuje addurà
San Capriele la grazia mi fa.

4) Loffe Catoffe
dimme lu vere chi ha fatte la loffe?
La loffe la si fatte proprje tu:
isce fore dalla tribbù.

5) Catoffe Catoffe
chi ha fatte la loffe?
Lu mare o lu vende,
lu chiú puzzulende.

6) Sanda Lucije
dall’ucchije pizzute
famme artruvà
la cose perdute.

7) E sitacce sitacce,
nghe stu citele/frichine che ci facce?
Li purteme a lu muline
e ci faceme la farine.

8} Lu setacce appese a lu chiove
nin se trittica e nin se move;
se nin pisse la farine
nì li fì li tajuline.

9) Chiccitagne a la mundagne
nghi nu sacche di castagne
e nghi n’atre/addre di farine
Chiccitagne a lu muline.

10) La neve l’ha semBre fatto.
E adesso s’è finito il mondo
perché che ha fatto la neve.
Chi ci ni endre lu cummune,
chi ci ni endre queste…
è una questione che dipende dalla natura.
“Oddje oddje nin puteme uscì”
Addò ji da ì?
Stetv a la cas.

BONUS:

‘Ndreje ‘Ndreje di Villareje
sette vespe ngule teneje;
une ji ndreje, une ji sceje,
povere ‘Ndreje, quanda suffreje.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here