È per te che scoppio le buttije,
che chiedo a chi si fije;
è per te il coppo e lu cunije
è per te che tutto qua è chiù mije.

È per te che l’ha fatto semBre,
che lu cardille vola,
è per te il mese di dicembre,
è per te la stozza a metà scuola…

É per te ogni cosa che c’è
mamma mè, mamma mè.
É per te ogni cosa che c’è
mamma mè, mamma mè.

È per te che a volte nengue a giugno
è per te lo zinale celestino,
è per te che c’ho acchiappato un pugno
è per te lo sdijuno mattutino;

è per te il suono del ddu botte,
oddje s’ha fatte notte;
è per te ‘na tazza di genziana,
è per te la pecora e la lana.

È per te ogni cosa che c’è
n’arvè, n’arvè.
E’ per te ogni cosa che c’è
n’arvè, n’arvè.

È per te che me ne sto alla casa,
è per te la pallotta cace e ova,
è per te la polentina spasa,
la parnanzetta nova;

è per te la voce di Zi Peppe,
il sugo con le ceppe;
è per te l’odor di vitillegna
è per te la regione più fregna.

È per te ogni cosa che c’è
mo arvè, mo arvè.
È per te ogni cosa che c’è
mo arvè, mo arvè.

È per te la voglia e la cascetta,
la foglia e la scarpetta,
è per te il mare e la montagna
l’alchermes e il pan di spagna…

È per te ogni cosa che c’è
Frechete, Frechete.
È per te ogni cosa che c’è
Frechete, Frechete.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here