E gira gira il ceppo
e gira il ceppo e giro te
mi guardi e non rispondo già,
perché risposta ngi sta…
Nelle parole:
bella come una rustella, come la Majella,
come cerasuolo e già mi sento meno solo;
onda come il pane
roscia come il vino
mentre t’allontani penso semBre “Ngulo”!

Fatjo tutto il giorno
e tutto il giorno penso a te
mo si finisce il mondo
ma… lu porche mica arvè.

Chiara, come un “fre-che-te”
come un “mamma mè”
di stupore dopo un anno di sdijuni;
bella… forte come Rocco
dolce bocconotto,
bella come la mammina che nin t’ha sfiatate!

Gioia sturdillita
di saperti in vita,
panza gonfia, cace e ove,
m’aremaste nganne;
dolce parrozzino
giusto un moccichino,
mentre t’allontani penso semBre “Ngulo”.

Bella come una rustella, come la Majella,
come cerasuolo e già mi sento meno solo;
onda come il pane
roscia come il vino
come ventricina teramana o vastese;
bella come un cerchio
grande come Cerchio (AQ)
calda di genziana
e fresca come tramontana…

Tuuuu come lu cardille,
bacio a pizzichille,
mentre t’allontani penso semBre “Ngulo!”.

Fregna, come casa mia,
come Zi Maria,
come lo zinale di mia nonna giù in camBagna;
come li diasille,
come mazz’marille,
come lu magnà che incontra la tua fregnità…

La la la la la fregnaaaaa
Uhhhhhh uhhhhh
Fregna, ohhhh
Fregna, ehhhhh.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here