– Arecale da ssa piande/piticone/cerqua/pede di cice: Abbassa la cresta.

– Baccalà: Tonto

– Cacacazze: Persona noiosa, stancante.

– Camele: Furbo e/o zotico e/o tonto

– Cellangulo: “Bimbominkia”.

– Cengione: Misero, scarso

– Chiacille: inaffidabile, sbruffone

– Chiappagallì: Fanfarone, chiacchierone inutile.

– Chisciccise/’sciccise: Che tu possa morire. (Espressione – spesso esclamazione – offensiva solo etimologicamente; nella realtà assume sfumature ironiche, quasi dolci).

(- Chisciccise la zappe nghi tutte lu bidente: variazione – non l’unica – sul tema)

– Chiscimbise: Che tu possa essere impiccato

– Ciaffone/Ciafelone: disordinato, sbadato

– Fangule.

– La fregna di sorete/mammete ecc.: Celebre sinonimo di vulva dei dialetti centro-meridionali. Si noti la tipica enclisi del possessivo (tua madre — mammete).

(- La fregna che ti cieca: variante visiva).

– Lu cazze che ti freche: Svariati gli utilizzi per il primo termine; in questo caso: “Non sono d’accordo con te, stai dicendo un’idiozia”. Segnaliamo, inoltre:

– Che/chi cazz/a vu!?

– Chi cazz ti cunosce?

– Mammalucche: Persona di non rapidissimo pensiero.

– Mammocce/mammoccione: Stupido, infantile

– Maulone: Gattone, tipo furbo.

– ‘Mbapite/’mbapì: Rimbambito

– ‘Ncialefe: Fango, misero

– ‘Ndondolò – Variante aquilana di “ndundì” (vedi sotto)

– ’Ndundite/’ndundì: Tonto, tontolone.

– ‘Ndrigande/’Ndricante: Traffichino, tipo losco.

– Ngul’ a mammete: la frase regina, il mantra di ogni vero cittadino d’Abruzzo. Pronunciata quasi come una parola unica, con echi ancestrali e salmodianti. L’offesa alla madre – non a caso – è un classico mondiale.

– Puzza/Puzz/Puozz: Le offese con “puzza” (che tu possa) e varianti sono infinite, ne ricordiamo alcune:

– Puzza avè na raja – Te puzz’arrajà (Che tu possa avere un forte dispiacere).

– Puzza avè na fune ‘nganne/ Che ti puzza noma mbenn (Che tu possa perire tramite impiccagione).

– Puzza cacà li chiuve. (Che tu possa defecare dei chiodi, con dolore).

– Puzza fa bubbù. (Solitamente rivolta a dei bambini).

– Puzza fa la vave/ la vave gialle/ la vave nire (Che tu possa fare la bava gialla o nera, stare male).

– Che ngi puzza arrivà. (Che tu possa cadere nel tuo incedere).

– Che te puzza cicà/arde/sfiatà. (Che tu possa divenire non vedente/ bruciare / soffocare).

– Puzza ittà lu sangue/ Puzza avè nu sbucche de sangue. (Che tu possa avere un’emottisi). Variante tipica: Puzza jettà lu velene.

– Puzza ‘ngarrà li dinde. (Che tu possa serrare i denti/morire).

– Puozza sendì la messa ppe llunghe. (Che tu possa ascoltare la messa allungato/dalla bara).

Bonus:

– Che te pozzene cresce j’occhi alle tinocchia, cuscì quanne cammini pe’ le restoppie te cichi! Che possano crescerti gli occhi sulle ginocchia così quando cammini per le restoppie (stelo della pianta del grano dopo l’aratura) diventi cieco. (Marsica).

– Puzza cascà pi li scale ng li mane/mine ‘nsaccocce. (Che tu possa cadere da una scala con le mani in tasca, senza possibilità di proteggerti).

– Se ngià rivedeme la mmanganze puzza esse la tua. (Nel caso in cui non dovessimo rivederci, spero che a mancare sarai tu).

– Te pozza pia ncorbo elastico, cusci va e revè: possa prenderti un colpo elastico, così ti ritorna addosso (aquilano)

– Quanno Dio stea a somentà lo stupido, ncima a ti s’è scioto ju saccu. (aquilano): Quando Dio stava seminando la stupidità, sopra di te si è sciolto il sacco.

– Sagnone/sagnillone: Una sagna, un tipo molle.

– Sarchiapone: Goffo, credulone

– Scallanucelle: Persona inutile (può indicare anche un mezzo di trasporto di scarso valore)

– Sciampate: svuotato, persona senza cervello

– Scingiapaje: (Colui che smuove molta paglia senza concludere nulla) – Persona inutile.

– Stupitò: Molto stupido.

– Sturdillite/sturdillì: stordito/lento di pensiero

– Tì la coccia sole pe spartì li recchie: Stupido, senza cervello.

– Ti trite gne/nda lu sale fine: Ti faccio molto male.

– Turdacò: Tordo, tonto.

– Va a vedè se stengo in piazza: Mandare a quel paese a L’Aquila

– Vanne/Va’ a pasce li pecure: Vai a far pascolare le pecore, vai a lavorare.

– Vatte a ‘ngullá na rote!: Vai a caricarti in spalla una ruota in modo che tu possa allontanarti da qui e fare qualcosa di più utile.

– Vatte a reponne/a dormì/a durmì: Fatti da parte, togliti di mezzo.

– Voccapè: Persona semplice, non molto intelligente.

– Zalleccuse: Sporco, sporcaccione. Utilizzato sovente nel detto popolare: “Chi è schifuse, è zalleccuse” (Chi fa troppo lo schizzinoso, spesso, è lui stesso uno sporcaccione).

– Zelluse/zellose: permaloso, capriccioso o sporco

– Zezzone/Zizzone: sporcaccione

2 COMMENTS

  1. Vorrei aggiungere “sillicchione”, anche nella forma tronca, che deriva dal termine dialettale per il Barcellona delle leguminose “sellecchia”, che sta a indicare un uomo particolarmente alto e snello, quasi sgraziato a vedersi.

  2. Nei pozza mancano due grandi classici:
    Non pozza od manghe dandr l’ussarije (che tu non possa gioire mai, nemmeno dopo la dipartita)
    Pozza fa l’udd’m (che quello che fai sia l’ultima cosa che fai)
    😂😂😂

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here